Venerdė, 18 Ottobre 2019 • Ore 16:41
RSS Feed
High Quality House
concessionari dei pių prestigiosi marchi di elettrodomestici
ElectroluxGattoniBlancoTelmaCMSanGiorgioImetecBrita
Notizie dalle Aziende
Codice Electrolux ai dipendenti No a regali e barzellette spinte

Codice Electrolux ai dipendenti No a regali e barzellette spinte

PORDENONE. “Etica in Electrolux”: questo il titolo del depliant di 20 pagine distribuito ai dipendenti con regole e comportamenti per chi lavora per la multinazionale. Chi li infrange rischia il licenziamento, oltre al deferimento all’autorità giudiziaria.

In primo luogo lotta alle tangenti: contanti, buoni, commissioni, pagamenti per beneficenza, viaggi, divertimenti, regali e pubblicità favorevole. Ammessi solo doni di modestissima entità, in occasione di eventi e visite. Licenziamenti previsti per furti e qualsiasi tipo d’infrazione sull’uso personale dei beni dell’azienda. Garantita a dipendenti e non, la proprietà intellettuale con i diritti che ne derivano.

Severamente proibite le attività d’insider trading e l’uso d’informazioni confidenziali. «Nessun direttore, responsabile o dipendente – recita il codice etico – può comprare o vendere direttamente titoli di una società per azioni, quotata in borsa e collegata, se in possesso d’informazioni interne, e questo vale anche per Electrolux. Le informazioni non potranno essere divulgate all’esterno e all’interno dell’azienda, inclusi familiari, amici e colleghi». Elencati i comportamenti da evitare: «Non parlate con leggerezza - recita il codice – d’informazioni confidenziali o sensibili in luoghi frequentati da persone esterne all’azienda, come in ascensore, a una cena, in aeroporto o sui mezzi pubblici. Non utilizzate mai informazioni che pensate possano essere riservate».

Dal codice non poteva mancare la politica. Electrolux esclude ogni tipo di finanziamento o donazione a politici e partiti. Tutti i dipendenti possono partecipare alle attività politiche nel tempo libero, facendo elargizioni, solo a loro spese.

Tutelati i diritti umani con la lotta al lavoro minorile, escluso non solo dagli stabilimenti Electrolux nel mondo, ma anche, drasticamente, dai fornitori Electrolux. «Se scopriamo – recita il codice – un caso di lavoro minorile, nell’ambito delle nostre attività o di quelle di un nostro fornitore, ci concentriamo sul benessere del minore. Questo potrebbe includere di fornire al minore accesso a istruzione, formazione professionale e il pagamento di un sussidio continuo». Electrolux persegue in tutti i modi discriminazioni e molestie di «qualsiasi tipo, in qualunque decisione relativa a lavoro, assunzioni, promozioni, retribuzioni, indennità e licenziamenti». Vietato inoltrare a colleghe e colleghi e-mail esplicite o volgari. All’indice i commenti sprezzanti su chiunque, le denigrazioni di razza o religione. Vietate le domande invadenti sulla vita privata, inclusa quella sessuale. Bandite le barzellette potenzialmente offensive per gli altri.

Chiunque legga le regole dell’Etica in Electrolux, può solo augurarsi che siano adottate da tutti gli italiani e, in particolare, dai protagonisti della politica.

Da Il Messaggero Veneto del 16/04/2013

http://messaggeroveneto.gelocal.it/cronaca/2013/04/16/news/codice-electrolux-ai-dipendenti-no-a-regali-e-barzellette-spinte-1.6893375

«« Indietro