Giovedė, 22 Agosto 2019 • Ore 10:05
RSS Feed
High Quality House
concessionari dei pių prestigiosi marchi di elettrodomestici
ElectroluxGattoniBlancoTelmaCMSanGiorgioImetecBrita
Notizie dalle Aziende
Tomorrowland.  George Clooney nel mondo di domani con Electrolux

Tomorrowland. George Clooney nel mondo di domani con Electrolux

Tomorrowland
di Brad Bird
con Britt Robertson, George Clooney, Kathryn Hahn, Judy Greer, Hugh Laurie
Voto 6+

Tomorrowland è esagitato come un cartone animato, e in effetti è un cartone animato (diretto dal Brad Bird di Gli incredibili e Ratatouille, ma anche di Mission Impossible- Protocollo fantasma), solo girato con umani e senza disegni. In sostanza ci dice, con un lungo flashback, che negli anni Sessanta un bambino genietto si presentò a un concorso per inventori con un Jetpack ricavato da un aspirapolvere Electrolux e finì, per amore di una robottina talent scout,  a Tomorrowland, in una dimensione spaziotemporale dove le menti più avanzate costruivano il futuro. Oggi una ragazza geniale figlia di un ingegnere della Nasa (dai e dai Hollywood riuscirà a farla ripartire la Nasa…), tocca una spilletta col simbolo di Tomorrowland, vede quella dimensione, ne esce, incappa nella stessa bambina robot (che però si definisce un animatronic,  come i pupazzi animati in elettronica dei parchi a tema),  raggiunge l’ex bambino (è Clooney, che fa lo scienziato scontroso in esilio in una casa da american gothic), si ritrova in un complotto da fantascienza anni Cinquanta e scopre che da Tomorrowland, ora deserta, per un effetto quantistico una macchina con la capacità di prevedere il futuro (e il cinismo con cui accettiamo di farci del male e farlo al pianeta) sta trasformando il pessimismo in realtà. Ovvero, se pensi negativo l’universo diventa negativo e la Terra ha 59 giorni prima di morire. E così, con una rincorsa di citazioni a non finire da tutti i personaggi (Hugo Gernsback, Tesla, Verne), libri e film di fantascienza che si possono immaginare, la missione diventa  distruggere la macchina a tachioni che vede/crea l’apocalisse e -soprattutto- pensare positivo. Molto americano e disneyano. Il Pensiero Positivo usa spesso un’idea (fantascientifica) della meccanica quantistica (tanto è nebulosa per i non addetti ai lavori) per risolvere tutti i compiti  che una volta spettavano alla magia e ai miracoli. Comunque, per quanti sforzi facciano regista e attori, la città luna park, anche se ha il pedigree Disney (Tomorrowland era effettivamente la fiera campionaria del futuro ) resta un luna park. Il vero enigma è capire se (tra le cento citazioni e le concitazioni) il film sia una variante di Men in Black per bambini o per ragazzini o per giovani inventori o per impallinati. Solo il futuro potrà dircelo…

Fonte: Spettakolo.it

«« Indietro